TheVillageDocFestival_Logo

Un'iniziativa di Libero_Lab_col

Con il patronato di

Regione Lombardia NEW taroc 

 

 

Con il patrocinio di

comunemilano web

 

 

 

 

 

comune milano zona 6

 

 

 

 

 

 

 

Logo Provincia Stemma Micro

PRODUZIONE AUDIOVISIVA: PROSPETTIVE DI SVILUPPO SOSTENIBILE?

Il 30 maggio 2012, a partire dalle ore 10:15, presso il prestigioso Auditorium "Giorgio Gaber"di Milano, sito all'interno del "Pirellone" in Piazza Duca d'Aosta n° 3, si terrà una plural tenzone sulle prospettive emergenti della produzione audiovisiva italiana e internazionale. Che stia emergendo un universo audiovisivo più sostenibile?

Dopo il saluto e l'inquadramento strategico delle autorità lombarde dell'audiovisivo, Massimo Zanello, Sottosegretario del Presidente della Regione Lombardia con delega al cinema, si passa all'elaborazione collettiva dei futuri in corso.

Primi protagonisti sono i registi in concorso a The Village Doc Festival, che verranno da mezzo mondo a raccontare le strategie e le tattiche che hanno scelto per realizzare i loro film:

-Stefano Levi per Out of the darkness

-Massimiliano Mazzotta per Oil parte seconda

-Alessandra Beltrame con Cjadreis

-David Fedele per Bikpela Bagarap (Big Damage)

-Sandro Gastinelli per Il sottoscritto e A la vita

-Nicola Zambelli per Tomorrow's land

Insieme a loro, partecipano:

  • I CAMPIONI DELLE NUOVE TECNOLOGIE
    - David Yakov
    - direttore vendite internazione di LiveU (quando la rivoluzione nel produrre trasforma le basi della distribuzione e le fantasie di narrazione: mobile broadcast e integrazione con il satellite, per disintegrare irreversibilmente gli schemi della videoinformazione planetaria)

  • LE BANDIERE DEI MERCATI EMERGENTI
    - Etienne Yamamoto
    - direttrice della Mostra Cinema e Diritti Umani del Sud America (ambasciatrice, dentro The Village Doc Festival, delle possibilità di coproduzione con il mercato brasiliano, attualmente il più ricco di opportunità di investimento privato, tanto nella fiction quanto nel documentario; con il vantaggio speciale di mescolare lo spettacolo ai risvolti sociali)
    - Justyna Tafel - documentarista e regista della prestigiosa scuola polacca di Lodz (quando l'età è innovazione pura, con un talento che rinnova senza sosta le grandi tradizioni, in un quadro europeo che guarda ormai verso Media International e Media Mundus

  • QUELLI CHE RIFANNO LA TV DAL WEB
    - Marco Maccarini - un volto noto della tv, per raccontare le fantasmagoriche prospettive di TV Popolare, l'innovativo progetto italiano di televisione partecipata
    - i rappresentanti del modello emergente della social tv, direttamente dalla rete di ALTRATV con le sue innovative Dirette a Reti Unificate
  • LE VOCI DEI SOSTEGNI PUBBLICI ITALIANI
     - le Film Commission: Alberto Ronchi, presidente Lombardia Film Commission, Andrea Rocca, direttore Genova-Liguria Film Commission
     - le Antenne Media

Le tematiche affrontate saranno

  1. il sostegno pubblico all'industria cinematografica,
  2. la realtà produttiva nei mercati emergenti,
  3. le opportunità di produzione indipendente,
  4. le nuove visioni del mercato televisivo tra mobile e web.

Il tutto al fine di tracciare possibili traiettorie di interazione e aggiornamento entro ed oltre i confini italiani.

L'evento sarà trasmesso in diretta da LibLab srl, attraverso l'innovativa tecnologia LiveU, lo "zainetto" che permette il live broadcast da qualunque luogo ed in qualunque momento.


ECCO COSA E' SUCCESSO!


Ieri, 30 Maggio 2012, presso il prestigioso Auditorium Giorgio Gaber all’interno del Palazzo della Regione, si è tenuto il convegno “PRODUZIONE AUDIVISIVA: PROSPETTIVE DI SVILUPPO SOSTENIBILE?”, dibattito su più fronti intorno alla produzione audiovisiva e le sue molteplici nature di innovazione e rinascita nella contemporaneità tecnologica.

La prima parte si è concentrata in una serie di contributi sulle esperienze produttive e distributive di alcuni dei registi in concorso con i loro documentari al The Village Doc Festival.

Hanno partecipato:

  • Stefano Levi regista di Out of Darkness
  • Nicola Zambelli regista di Tomorrow’s Land
  • Massimiliano Mazzotta regista di Oil secondo tempo
  • Alessandra Beltrame regista Cjadreis
  • Sandro Gastinelli regista di Il sottoscritto
  • Annamaria Gallone regista di Le due storie di Adamà
  • David Fedele regista di Big Damage
  • Tynys Talasbek referente per Moldoseit MAMBETAKUNOV e Artykpai SUIUNDUKOV registi di (KOCH) Nomadic

I documentaristi intervenuti hanno raccontato le loro storie di produzioni indipendenti soffermandosi sulle difficoltà di reperimento, fondi sia pubblici che privati. Nella maggior parte delle testimonianze è emerso che nel mondo del documentario sempre di più è necessario ideare forme di autofinanziamento per realizzare i propri progetti. Sebbene la mancanza di appoggio da parte di istituzioni ed enti non favorisca la crescita in questo settore, la creatività e la concretezza dei singoli è fertile e volenterosa di ampliarsi.

Il lato pubblico è stato, invece, rappresentato dalle Film Commission: Luigi Contra e Andrea Rocca hanno tracciato i profili e le attività di produzione, attuali e future, rispettivamente delle Regioni Lombardia e Liguria. Hanno delineato una forte mancanza di fondi che tuttavia non scoraggia il loro operato nel facilitare logisticamente e burocraticamente eventuali produzioni audiovisive. Particolare attenzione produttiva è stata riservata ai progetti televisivi e ai cortometraggi.

Oltre allo schermo cinematografico, quello televisivo: la nuova frontiera delle Web TV è stata raccontata da Marco Maccarini attraverso il neonato progetto TV popolare. Si tratta di un interessante alternativa alla televisione tradizionale che prevede una trasmissione in digitale, satellitare e via web basata sul meccanismo del crowdfunding: una tipologia di finanziamento in cui i soci partecipano con il versamento di una quota, e mira a raggiungere la soglia di 20.000 sostenitori per permettere l’avvio di una start-up. Finalmente una televisione partecipate in cui saranno gli stessi telespettatori (e tele finanziatori) a decidere, attraverso dei referendum, la programmazione del palinsesto.

Infine sono intervenute due esponenti dei mercati emergenti: Etienne Yamamoto, coordinatrice della Mostra Cinema e Diritti Umani in SudAmerica e Justyna Tafel, regista polacca dalla scuola di Lodz. La prima ha raccontato la struttura del festival Mostra Cinema e Direitos Humanos na América do Sul e il sistema di finanziamenti al mercato audiovisivo in Brasile. La seconda ha parlato della realtà produttiva per i cineasti emergenti in Polonia: sostenuti da forti contributi istituzionali ma che, faticano tuttavia a farsi conoscere all’estero a causa di promozione pressoché inesistente da parte degli stessi enti.


AddThis Social Bookmark Button

Twitter

 
Powered by LibLab