De Bauereblues/The farmer's blues

Regia: Julie Schroell

 

Lussemburgo, 2011

Durata: 20 min.

Trailer

Sinoss

Negli ultimi 150 anni la produzione agricola lussemburghese è diventata irriconoscibile, con un calo dell'occupazione di oltre il 60 %. Con questo declino come sfondo, Julie Schroell ha deciso di rintracciare gli ultimi agricoltori rimasti nel paese, per scoprire chi sono, come lavorano e come si stanno adattando alla rapida evoluzione del mondo che li circonda. Dal Oesling al Gutland , attraverso i villaggi di Niederfeulen, Vianden, Urspelt e Eppeldorf, il film esplora approcci contemporanei verso l'agricoltura e scopre un microcosmo di gente laboriosa e storie affascinanti dell'agricoltura moderna. Incontriamo Mathieu, capo di una impresa di 20 lavoratori che si occupano di 500 bovini, Gilbert, che gestisce una piccola azienda agricola di 20 vacche, Jean -Louis e la sua azienda agricola biologica e infine l'enorme allevamento di maiali di Romain, dove più di 9000 suini vengono "prodotti" ogni anno. Grandi o piccole, tutte devono affrontare tempi difficili nel mercato e la meccanizzata moderna. Il film mostra come, in pochi decenni, il paese si è spostato da un'agricoltura di sussistenza ad un affidamento sulla produzione ad alta tecnologia, e da una società agricola ad una altamente consumistica, con la popolazione del tutto scollegata dalla produzione agricola. L' influenza dell'industrializzazione, la politica di sovvenzioni dell'UE , gli scandali alimentari e l'aumento dell'agricoltura biologica vengono anche esplorate . Nel corso del film , Schroell crea un forte legame con gli agricoltori e scopre come la realtà della vita lavorativa di tutti i giorni è lontana da entrambe le romantica idee che società ha su di loro e rappresentazioni negative del loro stile di vita raccontate dai Media.


 

 

 

 

AddThis Social Bookmark Button

Twitter

 
Powered by LibLab